#petalidilettura: letture di fine anno

9788869932359_0_0_1511_75Gli amanti, Eugenia Rico (Elliot): secondo Sepulveda lei è una delle migliori voci della letteratura contemporanea e ci regala un meraviglioso e brevissimo capolavoro: Gli amanti. La storia di un’amicizia, di un amore, la disamina delle relazioni umane e dei sentimenti. Due dei tre protagonisti sono indimenticabili. La prima è Ofelie: il nome deriva dal greco Ofelia e significa ‘che assiste, che aiuta’. È anche il nome dell’innamorata di Amleto nell’omonima tragedia di William Shakespeare e rappresenta l’amore nei suoi aspetti più vari: devozione, passione, affetto e follia. Può essere quasi considerata un personaggio shakespeariano, un personaggio da tragedia e come una femme fatale sembra saper dominare amore e morte. Poi c’è Jean, personaggio bohemien, quasi un poeta maledetto, vive fuori dalle dinamiche sociali e parentali, è ossessionato dal mondo dei greci, dal mito della caverna che spiega la società contemporanea e il suo malessere. Fondamentali tre elementi: la solitudine, il sorriso, e l’amore preso in considerazione come sentimento ampio, un rapporto liminale tra maschile e femminile, un amore ermafrodita. È proprio vero che Eugenia Rico scrive contro il mondo.

_dimenticare-1503693034

Dimenticare, Peppe Fiore (Einaudi): precisissimo, lucido e tagliente. Dimenticare è un romanzo complicato nelle sue dinamiche perché prende in considerazione l’animo umano, la capacità che ha ognuno di noi di arrivare proprio dove non avremmo pensato di poter trovare noi stessi perché tutti abbiamo dentro «una bestia addormentata, sempre con un occhio chiuso e l’altro aperto». Allo stesso tempo, però, è un romanzo di una chiarezza disarmante, immagini nitide, sentimenti riconoscibili, ambienti fotografati. Forse per questo fa ancora più paura, perché estremamente reale. Leggete le preghiere di Daniele, il protagonista del romanzo, rimarrete disarmati.

cosmopolis-libro

Cosmopolis, Don DeLillo (Einaudi): Eric è un multimilionario, giocatore di borsa che vive nel centro del mondo, New York. Un mondo materiale e moderno ma anche visionario e allucinato nella descrizione che ci restituisce DeLillo. Come un moderno Ulisse compie un’odissea, un viaggio nelle strade di quella labirintica città attraversata da ovest ad est. Durante questo viaggio (Eric deve andare dal barbiere, sale in limousine e rimane imbottigliato nel traffico) incontra sua moglie, i suoi collaboratori o dei semplici estranei e si interroga: quasi un flusso di coscienza attraverso il quale parla delle dinamiche di potere, quelle che regolano la realtà, la materialità, gli affetti, le relazioni. Una metafora lunga duecento pagine per parlare di vita e di morte.

SURns3_Bolano_L_ultimaConversazione_cover-300x452

L’ultima conversazione, Roberto Bolaño (Sur): non c’è possibilità migliore per conoscere uno scrittore se non quella di ascoltare le sue parole e in questo libro avete l’occasione di farlo: una raccolta di scritti su Roberto Bolaño ma, soprattutto, di interviste. L’autore cileno parla della sua infanzia, l’adolescenza, l’arrivo in Europa. Conoscerete lo scrittore, il lettore, l’uomo e le sue idee, il suo impegno politico, le impressioni sul suo paese. Alla fine di questa lettura vi sembrerà di aver chiacchierato con lui, di averlo conosciuto davvero, di aver realmente incontrato l’uomo che afferma “Sono ancor convinto che un libro sia il miglior cuscino su cui dormire”.

1eedefd11805f4d98e113025547c2931_w600_h_mw_mh_cs_cx_cyQuella sera dorata, Peter Cameron (Adelphi): un giovane dottorando dell’università del Kansas, Omar Razaghi, decide di scrivere una biografia sul defunto Jules Gund, autore di riferimento della sua tesi di laurea. Peccato che per iniziare a lavorare egli abbia bisogno dell’autorizzazione degli eredi di Gund: Caroline, Arden e Adam. Per quale motivo i tre decidono di non aiutarlo? Lo scoprirà lo stesso Omar che, determinato a scrivere il suo libro, farà un viaggio inaspettato nel piccolo paesino dell’Uruguay in cui vive la famiglia Gund. Tra nuovi amori, nuove prospettive, intricati labirinti dell’anima di ognuno dei personaggi, il lettore vivrà un viaggio letterario godibilissimo ed emozionante. Il messaggio di Cameron è stupendo: la casualità, a volte, può restituirci noi stessi.

Ne abbiamo parlato meglio qui: Quella sera dorata

9788807031595_quartaVà, metti una sentinella, Harper Lee (Feltrinelli): ve la ricordate “Scout”, la giovanissima protagonista de Il buio oltre la siepe? Bene, immaginatela oggi, una ventiseienne che torna a casa da New York per far visita al padre Atticus, ormai anziano e bisognoso di cure. Jean Louise, che dimostra immediatamente un animo forte ed indipendente, inizia a scoprire alcune verità a dir poco inquietanti sulla sua famiglia: sono i difficili anni Cinquanta, gli anni segnati da profonde trasformazioni soprattutto nel Sud degli Stati Uniti, e la questione razziale diventa nuovamente protagonista della vicenda. La giovane donna si trova a dover fare i conti con la realtà, un mondo in cui – non a caso – non può mai essere tutto nero o tutto bianco: esistono sfumature imprevedibili e necessarie, che costringono un animo giusto come il suo a dover accettare le disillusioni della vita. Romanzo profondo, che chiude il cerchio del primo capolavoro di Harper Lee, offrendo ai lettori una visione forse scomoda ma più realistica della realtà.

Dente per dente e Una posizione scomoda, Francesco Muzzopappa (Fazi): se avete voglia di ridere (ma ridere sul serio!) vi consigliamo due romanzi davvero esilaranti! In Dente per dente il protagonista è Leonardo, un giovane che lavora in un museo, fidanzato con Andrea, ragazza cattolicissima che vorrebbe sposare il prima possibile. Eppure un giorno la scopre a letto con un altro. Da quel momento in poi prenderà vita il suo VEV: il suo piano virile e vendicativo. La rivincita di un ingenuo, raccontata con tinte tragicomiche e una scrittura incalzante. In Una posizione scomoda troviamo invece Fabio, un diplomato al centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, un giovane aspirante regista che sogna il mondo scintillante di Cannes, di New York… eppure il sogno di diventare una promessa del cinema d’autore svanisce di fronte alle incombenti necessità economiche, ed il povero Fabio – suo malgrado – diventa uno dei più famosi registi porno, tanto da ottenere anche uno dei premi più ambiziosi… Muzzopappa anche in questo romanzo ci regala un protagonista inetto, a cui il lettore si affeziona per la miriade di sventure ed insuccessi collezionati nel corso delle vicende. Eppure, sia Fabio sia Leonardo, alla fine, saranno premiati: come si può negare un happy end a due giovani così sfortunati?

Elisa e Ioanna

Un commento Aggiungi il tuo

  1. bartleby2017 ha detto:

    Cosmopolis lo metto immediatamente in lista, magari mi tirerà su nel caso in cui Americana fosse un flop. A proposito, qualcuno ha letto Americana? È bello?

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...